Re­qui­si­ti di ca­pi­ta­le

Focus02 Giugno 2022

La regolamentazione dei requisiti di capitale non deve penalizzare la piazza assicurativa svizzera. La sensibilità allo spread dell'attuale modello va ridotta; la sicurezza giuridica e la possibilità di pianificazione sono importanti principi d’intervento.

L'ASA appoggia la strategia aggiornata e pubblicata dal Consiglio federale il 4 dicembre 2020, per una piazza finanziaria che pone al centro la competitività e la sostenibilità futura della piazza finanziaria ed evidenzia l’ambizione di restare uno dei centri finanziari globali più rilevanti con condizioni quadro ottimali. Gli sviluppi attuali a livello di leggi e ordinanze devono essere orientati al raggiungimento di questo obiettivo.

La strategia in materia di mercati finanziari del Consiglio federale riveste grande importanza per il settore assicurativo svizzero. La strategia assicura la continuità ed è orientata agli obiettivi. Al contempo affronta nuove sfide, tenendo conto degli sviluppi sia nazionali che internazionali. Un ruolo centrale è assegnato in maniera coerente al mantenimento e al consolidamento della competitività e della sostenibilità futura della piazza finanziaria svizzera.

Valutazione delle disposizioni in materia di solvibilità nel contesto degli sviluppi a livello internazionale

La regolamentazione dei requisiti di capitale è di cruciale importanza sia per la piazza assicurativa sia per l’economia nazionale svizzera. Essa rappresenta una svolta per il mantenimento e il consolidamento della competitività e della sostenibilità futura della piazza finanziaria svizzera. I parametri dei requisiti di capitale sono quindi soggetti a una regolamentazione politica. Al contempo è anche necessario tenere sempre sotto controllo l'evoluzione per evitare un ulteriore inasprimento dei requisiti di solvibilità svizzeri.

Sicurezza giuridica e possibilità di pianificazione come criteri importanti per determinare il fabbisogno di capitale

Oltre agli sviluppi attuali a livello di legge e ordinanze, occorre tenere conto anche delle norme della FINMA dal punto di vista della sostenibilità futura e della competitività. A tal proposito, l’ASA intrattiene regolari contatti con la FINMA. Al momento i temi centrali trattati sono i seguenti.

  • Curve dei rendimenti: le curve dei rendimenti sono di fondamentale importanza per determinare il fabbisogno di capitale. Gli aggiornamenti delle curve di rendimento utilizzate per l'SST vanno effettuati in un lasso di tempo adeguato tenendo conto della sicurezza del diritto, della continuità e della sostenibilità finanziaria. Inoltre, la possibilità di pianificare è centrale per i parametri di dati di mercato che non possono essere osservati in modo affidabile. L'ASA accoglie con favore l'accordo su un ulteriore regime transitorio per la curva dei ren-dimenti in franchi svizzeri: questo dà spazio, in termini di tempo, agli sforzi congiunti dell’autorità di vigilanza, dell’industria e della scienza di sviluppare un metodo solido per la determinazione delle curve dei rendimenti che possa essere implementato in modo duraturo.
  • Sensibilità dei modelli: con l'introduzione dei nuovi modelli standard, la sensibilità dei modelli alle variazioni dello spread è aumentata notevolmente. La FIN-MA e l'ASA stanno cercando di ridurre questa sensibilità dei modelli standard ricorrendo a diversi approcci. Il lavoro va continuato con impegno affinché questo aspetto del modello standard possa essere orientato in modo corretto.

Creazione di un regime per piccoli assicuratori come conseguenza della strategia del Consiglio federale in materia di mercati finanziari

L'ASA accoglie con favore gli sforzi della FINMA di introdurre per le assicurazioni un regime analogo a quello per le piccole banche. È importante garantire che le possibili agevolazioni e, in particolare, i criteri di adesione siano definiti in modo tale che un numero rilevante di piccoli assicuratori e riassicuratori possa beneficiare delle agevolazioni. Queste società devono in parte sostenere un ingente onere amministrativo e operativo per ottemperare agli attuali requisiti regolamentari e prudenziali.