Ri­chie­ste in ma­te­ria di ca­pi­ta­le: non a svan­tag­gio del­la piaz­za as­si­cu­ra­ti­va sviz­ze­ra

Posizioni28 Febbraio 2020

L'ASA accoglie con favore la nuova ordinanza concernente la legge sulla vigilanza dei mercati finanziari (LFINMA) e la definizione più precisa del quadro di competenze della FINMA in essa contenuta. Al contempo, l’ASA chiede la regolamentazione dei requisiti di capitale, considerata l'evoluzione degli standard internazionali in materia di capitale.

L’ASA accoglie con favore la nuova ordinanza sulla LFINMA, che richiede tra l’altro l’orientamento alla politica della piazza finanziaria del Consiglio federale. Con l'entrata in vigore della precitata ordinanza, anche tutte le regolamentazioni della FINMA devono essere sottoposte a revisione  entro cinque anni per accertarne l'equità a tutti i livelli nel quadro delle disposizioni transitorie. L'ASA auspica che la FINMA intervenga rapidamente in questo senso, poiché, tra l'altro, le disposizioni in materia di solvibilità richiedono un adeguamento.

Le compagnie d'assicurazione sono svantaggiate dai requisiti di capitale previsti dall'SST

Nell'UE le compagnie d'assicurazione devono soddisfare le richieste della direttiva Solvency II, che prevede particolari obblighi di pubblicazione e norme per la composizione dei fondi propri. Il corrispondente elvetico di Solvency II è il Test svizzero di solvibilità SST. Nell'autunno 2015 l'UE ha riconosciuto l'equivalenza della regolamentazione Solvency II e SST. Tuttavia, le normative differiscono in un punto importante, ossia i requisiti di capitale. Le compagnie di assicurazione e i gruppi assicurativi svizzeri sono svantaggiati dagli elevati requisiti di solvibilità previsti dall’SST, in particolare nel ramo vita. Ciò pone soprattutto i gruppi svizzeri con filiali nell'UE in una posizione di svantaggio, poiché le norme previste dall’SST devono essere applicate anche alla parte di attività svolta all'estero.

In questo contesto, l’ASA intrattiene regolari contatti con la Finma per quanto concerne i punti chiave come la valutazione dei rischi di credito e di mercato o la sensibilità dei modelli.

Le prestazioni di garanzia e le garanzie contro i rischi sono difficilmente ancora finanziabili

Le eccessive richieste in materia di capitale fanno sì che le prestazioni di garanzia e la copertura dei rischi risultino troppo care per gli assicuratori svizzeri, in particolare per gli assicuratori vita, e che quindi non vengano offerte o vengano offerte in modo sempre più limitato. Chi è esposto ai relativi rischi non può più assicurarsi conformemente alle necessità – oppure i rischi devono essere assunti dallo Stato. Ciò è in evidente opposizione con l'attuale forma, ben sostenuta nella società, della previdenza professionale e privata.

Sicurezza giuridica con nuove linee guida sulla regolamentazione dei mercati finanziari

La regolamentazione dei requisiti di capitale è di cruciale importanza per la piazza assicurativa e l’economia nazionale svizzere. L’ASA considera pertanto positivo il fatto che in futuro i requisiti di capitale siano soggetti a una regolamentazione politica. È necessario tuttavia considerare sempre l'evoluzione degli standard internazionali in materia di capitale per evitare un ulteriore inasprimento dei requisiti di solvibilità svizzeri. Questo svantaggerebbe ulteriormente la piazza assicurativa svizzera.